Piccoli semi, grandi benefici

Piccoli semi, grandi benefici 28 agosto 2017

Sono considerati dei veri superfood, perché in essi si concentrano preziosi nutrienti utili al nostro organismo: apportano proteine, fibre e sali minerali
dalle benefiche funzioni.

Ricchi di proteine, fibre vegetali e acidi grassi aiutano il nostro organismo a rimanere in salute e a regolare i livelli di zuccheri e colesterolo nel sangue. Sono i semi, che per la pianta rappresentano la base della nutrizione poiché da qui germoglia, mentre per noi sono una scorta di micronutrienti immediatamente disponibili, ad altissimo valore nutrizionale. Senza contare che regalano quel sapore in più a insalate, cereali, pane, verdure cotte e crude…

In cucina con più gusto
I semi erano molto utilizzati anche nella cucina tradizionale delle regioni italiane. Il sesamo, per esempio, è la base per il croccante, torroncino siciliano di caramello.
Un uso più recente arriva dal Giappone: con il sesamo si prepara il gomasio, un sostituto del sale a base di questi semi tritati ed erbe aromatiche, consigliato a chi soffre di ipertensione e ritenzione idrica.
I semi di papavero accompagnano dolci e crostate tipici di Germania, Austria e Tirolo.
I semi di zucca e girasole, invece, sono deliziosi aggiunti all’impasto del pane o delle focacce. Ma anche nelle insalate per donare croccantezza. Fuori dalla cucina, i semi di lino da secoli vengono usati negli impacchi perché portentosi per rinforzare i capelli o contro la tosse.
E avete mai provato a mescolare una manciata di semi allo yogurt al posto dei cereali? Scoprirete un delizioso spuntino.

Come usare i semi
Meglio consumare i semi crudi per evitare di alterarne le caratteristiche organolettiche.
Ancor meglio tritati, per assimilare meglio le loro proprietà, soprattutto di quelli piccoli come sesamo, chia e lino. Si può usare un macinacaffè, un mortaio o conservarli direttamente in un macinino per il sale. Vanno tenuti in un barattolo asciutto e lontano da fonti di luce e di calore.

CONOSCIAMOLI MEGLIO

semi di sesamo
Sono ricchissimi di calcio: 100 g di semi ne contengono 1.000 mg. Apportano, inoltre, ferro, magnesio, zinco e fibre vegetali, nonché fosforo e vitamina B1. Sono in grado di combattere il colesterolo, abbassare la pressione sanguigna e riparare il fegato.

semi di zucca
Veri e propri integratori naturali di magnesio, manganese e zinco. Sono anche ricchi di carotenoidi, antiossidanti che stimolano il sistema immunitario. Contengono anche acidi grassi Omega3, ritenuti benefici nella prevenzione di artrite e osteoporosi. Assunti regolarmente, sono ideali per contrastare i sintomi della sindrome premestruale e della menopausa, per favorire il sonno e per prevenire i crampi notturni.

semi di lino
Hanno un elevato contenuto di Omega3, che contribuiscono a proteggere l’organismo dal rischio di disturbi cardiaci e utili in caso di ipertensione e osteoporosi. Il consumo è molto indicato nelle diete ipocaloriche e per mantenere una naturale regolarità intestinale. Sono anche in grado di aiutare lo smaltimento di grassi e ridurre l'appetito.
 
semi di chia
Sono i semi della Salvia Hispanica, tipica del Sud America. La totale assenza di glutine li rende ottimi integratori per i celiaci. Anch’essi molto ricchi di calcio (fino a 600 mg ogni 100 grammi), sono fonte di vitamina C, ferro, calcio e magnesio. Sono, inoltre, ritenuti in grado di svolgere un'azione regolatrice del livello di zuccheri nel sangue e di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari o di eccessivo aumento di peso. Contengono per il 34% acidi grassi essenziali Omega3.

semi di canapa
Altamente nutrienti per il loro contenuto proteico. Vantano un perfetto equilibrio tra acidi grassi essenziali Omega3 e Omega6. Oltre a essere composti per il 30% da proteine, i semi di canapa contengono un quantitativo di fibre pari al 40 per cento. È infine da considerare il loro benefico contenuto di fitosteroli, composti anticolesterolo.

semi di girasole
Anche se molto calorici, sono una salutare fonte di energia per iniziare la giornata. Ricchi di acido linoleico poli-insaturo, svolgono un'importante azione antinfiammatoria.
Integratori naturali di minerali quali magnesio e zinco, sono una vera e propria bomba di vitamina E, essenziale per la salute di pelle e capelli, poiché idrata le cellule e preserva la giovinezza di tutto l'organismo.
Inoltre, i semi di girasole svolgono anche un ruolo anti-stress grazie al complesso di vitamine del gruppo B di cui sono ricchi.
 
semi di papavero
Spesso usati per la preparazione di pane e dolci. Sono anche una fonte di acidi grassi essenziali come l'acido oleico (Omega 3) e, dunque, antinfiammatori naturali.
La loro caratteristica principale, però, è la presenza di composti anti-dolorifici, in grado di svolgere una blanda azione ‘analgesica’ sul sistema nervoso. Sono quindi utilizzati per calmare tosse e piccoli dolori.

Condividi

Leggi anche